Ti trovi in:

Bibliografia » C'è posto per tutti

"C'è posto per tutti" di Maria Floretta

di Lunedì, 07 Luglio 2014 - Ultima modifica: Martedì, 13 Gennaio 2015
Immagine di copertina

Gli anni cinquanta raccontati nel giornalino scolastico di Cloz. A cura del Comune di Cloz. Litotipo Anaune Fondo, 1998.
(Questo libro si trova anche presso il Comune di Cloz)

Alcuni testi tratti dal libro

Mio zio è partito per l'America - 31 gennaio 1957 Adriano Clauser Ieri con tanta nostalgia è partito mio zio per il Canada. Ha lasciato la sua famiglia per cercare in terra straniera un lavoro che gli renda la vita pi facile e poi se sarà il caso la richiamerà. Va a raggiungere un altro suo fratello che è mio caro zio e che gli avrà certamente trovato un lavoro. Aveva molta nostalgia perch doveva lasciare i suoi piccoli bambini e la sua cara moglie. L 'arrivo del mio fratello - 30 ottobre 1957 Tullia Floretta Da qualche mese uno dei miei fratelli ci aveva scritto dall'America che quest'autunno voleva venire a trovarci per rimanere alcuni mesi tra noi. Io non mi diedi più pace e pensavo sempre quando sarà quel giorno. Finalmente siamo venuti a sapere che il giorno 12 ottobre partiva da St. Louis con l'aeroplano Scandinavian Airline alle ore 8 del mattino e sarebbe arrivato a Milano alle 12 e 45 di domenica 13. L'aereo è arrivato con 7 ore di ritardo causa un guasto al motore per cui ha dovuto fermarsi a Copenaghen per la riparazione. Finalmente luned sera mentre stavo attendendolo alla corriera lui è arrivato a casa con una macchina. L 'ho trovato nella cucina. Lui non mi ha riconosciuta e io non avrei riconosciuto lui. M'ha trovata cambiata da cima a fondo. Noi non lo conoscevamo perché da quando è partito ha fatto un grande cambiamento: s'è fatto pi grande e pi grasso. Io sono molto contenta della sua compagnia. Peccato che potrà rimanere solo per tre mesi. è partito per l'America un mio compagno di scuola - 28 febbraio 1958 Vittorio Angeli Oggi è partito per l'America un mio compagno di scuola, Umberto. è andato a raggiungere il suo papà che si trova lontano dalla sua famiglia da alcuni anni. Sono andato a salutarlo e mi ha lasciato pieno di nostalgia. è partito con la sua famiglia. Nel nuovo continente troverà tutto nuovo, altra lingua, altri compagni e insegnanti, ma sono sicuro che si ricorderà sempre del suo bel paese, della sua scuola, dei suoi insegnanti che lo istruirono e fecero per lui come dei genitori e infine di tutti i suoi parenti e compagni. Noi tutti gli auguriamo buon viaggio ed una ottima sistemazione.

Immagine decorativa
Immagine decorativa
Immagine decorativa